sabato 19 novembre 2011

Le D...domande della settimana

Anche questo sabato, acquistando LaRepubblica, al giornale trovo allegato il periodico D. E' un pò troppo patinato, con un po' troppa pubblicità e con un po' troppe mise dal sapore rock-chic per attrarmi al 100%, ma ormai è diventato un appuntamento settimanale che ho imparato a gustare. Posso fingere di no, ma mi sento sempre un pizzico adolescente in differita quando ho in mano uno di questi mattoni, una sorta di cioè per donne. Le interviste sono godibili e inconsuete, Elasti è sempre fra il filosofico e il comico, ma la pagina che mi dà da pensare per tutta la settimana successiva è sempre la prima.
Le Domande di D.


Sono proprio domande. Una pagina di domande. Allucinanti per lo più, ma in mezzo a quella dozzina di assurdità dotate di punto interrogativo trovo sempre almeno una, qualche volta due, verità che mi spiazzano. Ogni volta sono presa dalla curiosità di sapere se ognuno di noi trova qualcosa di sè in una domanda diversa, o se c'è sempre solo una (o poche) domande clou in mezzo a idiozie senza capo nè coda.

Giusto per amore di condivisione le pubblico qui, e chissà che non ne venga fuori un apposito appuntamento settimanale. Ho preferito mantenere il format della pagina com'era concepito, per fare avere a questa pagina lo stesso impatto visivo originale, anche se non so a quanto serva.


Generazione TRPSLT: Troppe Ragioni Per Scuotere La Testa?
  • Visti dall'alto siamo belli anche noi come stormi di storni appallottolati e poi, di colpo, vuum?
  • Un bagno molto caldo rinfresca le idee?
  • Quelli che il film lo hanno già visto e quando vanno a rivederlo per il piacere di farlo conoscere a chi amano passano due ore a sforzarsi di non farsi scoprire (non ridere prima, non prepararsi alla paura) per non mettere in imbarazzo chi è con loro, meriterebbero almeno di non pagare?
Conoscete la streganza?
  • Il potere deve essere operato?
  • Presto, che è tardi?
  • Vi siete ricordati di fare le nuvolette con il fiato sui vetri?

A che ora del giorno diventate voi?

  • Chi non mette le calze quando fa freddo rischia la felicità?
  • Perchè non hanno ancora imparato a fare dei biglietti del treno dove si capisca subito dove si arriva, quando si parte e a che ora?
  • Quando non ci saranno più corridoi, dove perderemo il tempo?

Se qualcuno vi dicesse che "1Q84", il nuovo romanzo di Murakami, è un inno alla bellezza sexy degli uomini con un principio di calvizie, lo leggereste più o meno volentieri?


Due domande in particolare mi hanno colpito più delle altre. E wow, dopo aver visto l'ultima voglio assolutamente leggere il libro di Murakami, giusto per restare in tema libri e in tema assurdità (contemporaneamente)!

9 commenti:

  1. Chissà perchè mi aspettavo proprio che l'ultima ti colpisse! ;)))
    Comunque devodire che le domande le capisco davvero poco, sono state fatte dai pazienti di u manicomio, vero?

    RispondiElimina
  2. Possibile che ci sia un genio che ha convinto la redazione a farsi pagare per inventare 13 domande a settimana e pubblicarle? La pagina comprende la minuscola scritta "Chi è l'autore di questa rubrica?" O.o E' un piccolo mistero...

    RispondiElimina
  3. Innanzitutto benvenuta a bordo.
    Secondariamente se Murakami ha ragione,io sono un figo della madonna...
    Il che è tutto dire!
    P.s.secondo il mio modesto parere che formula queste domande dovrebbe smettere di sgranocchiare peyote o sniffare colle scadenti.

    RispondiElimina
  4. Io sono abbastanza d'accordo con Murakami!
    Mi sa anche Aedes, vero?! ;P

    RispondiElimina
  5. Grazie, Alessandro! Devi innanzitutto sapere che io sono una sostenitrice del fascino pelato, come il mio compagno può testimoniare... e poi, queste non sono le domande migliori che puoi trovare! Vorrei sapere cosa fumano per procurarmene un po'! XD

    Streghetta mia, chi meglio di me può essere d'accordo? ;) :**

    RispondiElimina
  6. Il libro di Murakami è già inserito nella wish list dei prossimi acquisti.Anche se temo che non potrò condividere le gioie dell'inno al principio di calvizie,perchè i miei capelli non so più dove metterli :)Mi è piaciuta molto la domanda sui film.Di solito,se capita un'eventualità di questo tipo,e cerco di non farla capitare,risolvo il problema alla radice : dormo.

    RispondiElimina
  7. Il sonno risolve molte cose! XD

    RispondiElimina
  8. "Vi siete ricordati di fare le nuvolette con il fiato sui vetri?"
    Quest'anno l'ho dimenticato. Per fortuna sono ancora in tempo! XD

    Cmq secondo me l'autore della rubrica SONO tanti autori...CHIEDERò, PRIMA O POI, se posso partecipare con le mie domande!!!

    RispondiElimina
  9. Io me lo sono scordato invece! :D
    Una delle mie ipotesi è che in redazione ci sia una cassetta in cui tutti possono inserire la propria domanda...se così fosse, lo troverei poetico!

    RispondiElimina